Gruppi di lettura. Programma 2019-2020

Programma delle letture condivise - Gruppi di Lettura 2019-2020

Settembre 2019

Logo dell'ora del teGiovedì 19 settembre ore 17.00
Il gruppo di lettura BLU discute “L’arte di essere fragili” di Alessandro D’Avenia
Il gruppo di lettura ROSSO discute “Resto Qui” di Marco Balzano

Giovedì 26 settembre ore 17.00
Il Gruppo di lettura l'Italia in giallo Discute "Tutto questo ti darò" di Dolores Redondo
in collaborazione con l'Associazione degli Amici della Biblioteca

separatore

Ottobre 2019

Giovedì 3 ottobre 2019 ore 17.00
Book Contest

Incontro del Gruppo di lettura “L’Italia in giallo”, per scegliere le letture condivise del 2019/2020
In collaborazione con l’Associazione Amici della Biblioteca

Giovedì 10 Ottobre ore 17.00
Book Contest
Incontro dei Gruppi di lettura Blu, Rosso e Verde per scegliere le letture condivise 2019/2020
Incontro aperto a tutti coloro che sono interessati all’attività dei GdL

Giovedì 24 ottobre 2019 ore 17.00
Il gruppo di lettura “L’Italia in giallo” discute il libro "Uccidi il padre" di Sandrone Dazieri
conduce Carlo Marchiori in collaborazione con l’Associazione degli Amici della Biblioteca

separatore

Novembre 2019

I gruppi di lettura iniziano il loro percorso di letture condivise con tre titoli proposti per "Un anno vissuto letterariamente" - progetto dei Gruppi di lettura in Veneto.

A tre critici esperti è stato chiesto di indicare tre titoli significativi per la letteratura degli ultimi venti anni: un autore italiano, un autore dell’Unione Europea, un autore extraeuropeo (o di respiro universale).
Ecco i 3 titoli - scelti tra i 9 proposti - che verranno discussi dai gruppi di lettura dell'Ora del tè. Naturalmente nulla vieta di scoprire e leggere anche gli titoli proposti. La lista completa è consultabile nel Blog dei Gruppi di lettura in Veneto.

Pia Masiero, Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati, Università Ca’ Foscari, ha scelto:

Valeria Parrella, Tempo di imparare, Einaudi, 2013.
Un bambino si appresta a cominciare la scuola. Ma il tempo dell’apprendimento non è solo il suo e coinvolge in maniera inaspettata e sorprendente la sua famiglia allargata. Una storia profonda che ci costringe ad interrogarci su cosa è normale e cosa non lo è.

Marco Cavalli, critico, traduttore, ha scelto:

Robert Menasse, La capitale, Sellerio 2018.
L’Unione europea come un enorme affare economico al quale non si può rinunciare. Questa la sintesi del romanzo “La capitale”, che ha in Bruxelles il centro simbolico di una ragnatela di equivoci e di cointeressenze che chiamano in cause figure e situazioni tra le più disparate e disperate, in un grottesco balletto di destini individuali che si incrociano e si sovrappongono, si escludono e si eliminano a vicenda come in una gigantesca partita a scacchi.

Alessandro Cinquegrani, Dipartimento di Studi Umanistici, Università Ca’ Foscari, ha scelto:
Mauro Covacich, A nome tuo, Einaudi e La nave di Teseo.
Javier Cercas, Soldati di Salamina, Bompiani.
Roberto Bolano, Stella distante, Sellerio e Adelphi.
Questi libri rappresentano tre modi diversi di dire io. Il che comporta tre modi diversi di intendere il rapporto tra la realtà e la finzione, che sembra essere il tema cruciale degli ultimi vent’anni: si può ancora credere nella finzione? E a quali condizioni? Le meccaniche della narrazione sono ormai troppo invasive per poterci credere ancora? E poi: come è possibile ricreare un personaggio-uomo credibile, come lo definì Giacomo Debenedetti: «Se gli chiediamo di farsi conoscere, come capita coi poliziotti in borghese, gira il risvolto della giubba, esibisce la placca dove sta scritta la più capitale delle sue funzioni, che è insieme il suo motto araldico: si tratta anche di te. Allora non c’è più scampo, bisogna lasciare che si intrometta». Quel personaggio-uomo è morto per sempre? Nel proliferare di avatar e di realtà parallele, dei social e del reality, cosa significa dire io, se non manifestarsi nella propria identità concreta, fisica, reale? Questi autori sembrano cercare questa strada. Ma è davvero così? E a che prezzo?

Mercoledì 6 novembre ore 17.00
Gruppo di lettura verde discute “Stella distante” di Roberto Bolano

Giovedì 7 novembre ore 17.00
Gruppo di lettura Blu discute “La capitale” di Robert Menasse
Gruppo di lettura Rosso discute “Tempo di imparare” di Valeria Parrella

Mercoledì 20 novembre 2019 ore 17.00
Il gruppo di lettura “L’Italia in giallo” discute il libro "Si fa presto a dire Adriatico" di Fulvio Ervas
conduce Carlo Marchiori in collaborazione con l’Associazione degli Amici della Biblioteca

Separatore 2 px

Dicembre 2019

Mercoledì 11 dicembre ore 17.00
Gruppo di lettura verde discute “La capitale” di Robert Menasse

Giovedì 12 dicembre ore 17.00
Gruppo di lettura Blu discute “Tempo di imparare” di Valeria Parrella
Gruppo di lettura Rosso discute “Stella distante” di Roberto Bolano

Giovedì 19 dicembre 2019 ore 17.00
Il gruppo di lettura “L’Italia in giallo” discute un libro del Book Contest
conduce Carlo Marchiori in collaborazione con l’Associazione degli Amici della Biblioteca

Separatore 2 px

Gennaio 2020

Mercoledì 15 gennaio ore 17.00
Gruppo di lettura verde discute “Tempo di imparare” di Valeria Parrella

Giovedì 16 gennaio 17.00
Gruppo di lettura Blu discute “Stella distante” di Roberto Bolano
Gruppo di lettura Rosso discute “La capitale” di Robert Menasse

Le altre date del calendario 2020 sono in fase di definizione

Separatore